Opere Fuori Concorso 

MicrosoftTeams-image (1).png

Qualcosa si è rotto

Amref Health Africa - Italia

Anche le più grandi sfide passano per piccoli gesti quotidiani. Un esempio ne è Nice Nailantei Leng’ete, ambasciatrice mondiale di Amref Health Africa contro le mutilazioni genitali femminili. Nice, per il suo impegno, è stata inserita, dal Times, tra le 100 persone più influenti al mondo, ma la sua sfida più grande, proteggere ragazzine e donne, incappa nell’assenza di acqua in periodi di magra, o in fiumi in piena che bloccano le strade. Nice è solo una delle protagoniste di “Qualcosa si è rotto,” un corto che evoca in maniera poetica, con la voce unica di Fiorella Mannoia, la frattura creatasi nell’equilibrio tra le donne africane e l’acqua. Un equilibrio già precario che, a seguito dei cambiamenti climatici, è degenerato in lotta quotidiana. Da un lato, le donne che percorrono ogni giorno chilometri di terra arida, spaccata e ferita alla ricerca di acqua da condividere con la famiglia e con gli animali, indispensabili al proprio sostentamento. Dall’altro lato, l’acqua tanto agognata e così avara di sé, che all’improvviso, “nell’impeto di un cielo che si apre in due, cade senza freno, senza senso” devastando ogni cosa, seminando morte e distruzione.

Male Fadàu

Matteo Incollu / Italy (19'41'')

Baunei, Sardegna,1942. Male Fadàu è Padoreddu, il matto del villaggio. Una notte ruba una radio da un aereo da guerra tedesco, precipitato tra le montagne. Ma una misteriosa e inquietante voce emerge dalla radio e dal passato, iniziando a perseguitarlo.

Samuh Sakhi_locandina.png

Samuh Sakhi - L'amica delle donne

Fondazione Pangea Onlus - Nicola Baraglia

Samuh Sakhi sono le cento leader che nei dodici villaggi del nord est dell’India, guidano altre mille donne in un progetto di empowerment femminile di Fondazione Pangea Onlus. Pangea le accompagna in questo viaggio, regalando loro un futuro migliore.

Samuh Sakhi è anche un ago che cuce una collana di fiori, una goccia d’acqua che ritorna nel villaggio, un seme piantato con estrema cura, un vicolo che si riempie di macchine da cucire e di abiti colorati, una stella che si illumina nel cielo di Varanasi.

Vetrina Premiere Film

una coppia locandina.jpg

Una coppia

Davide Petrosino / Italy (22')

Anna e Diego si incontrano a Roma in una calda mattina di luglio. Non si vedevano da un bel po’. Sono stati insieme per due anni e, ora che si sono lasciati, Anna vive a Milano, Diego a Napoli. Erano ancora una coppia quando comprarono i biglietti per il concerto di Bruce Springsteen che si sarebbe tenuto a Roma da lì a qualche mese. Ora che il giorno del concerto è arrivato, Anna, che ha con sé entrambi i biglietti, dà appuntamento a Diego per dargli il suo. La sua idea è quella di andare comunque al concerto ma ognuno per conto proprio. Diego però non è dello stesso avviso e, dopo qualche insistenza, convince Anna a passare la giornata insieme a lui nell’attesa dell’apertura dei cancelli. Durante il tempo passato insieme, i
due ragazzi affronteranno tutti i non detti, i tentennamenti, i rancori sopiti e le sensazioni nostalgiche che ogni rottura, inevitabilmente, porta con sé. Ben presto, l’attesa del concerto passa in secondo piano e quella giornata diventa per Diego e Anna l’occasione – l’ultima, probabilmente - per capire cosa sono stati insieme e cosa saranno in futuro.

Troiane

Stefano Santamato / Italy (16')

Il film ripercorre le principali tappe della realizzazione della scenografia de Le Troiane di Euripide, in scena al teatro greco di Siracusa nel giugno 2019. La celebre tragedia narra gli eventi che seguono la sconfitta di Troia: la spartizione delle donne tra i vincitori e la messa a ferro e fuoco della città. Nella scenografia, l’architetto Stefano Boeri evoca quell’antica devastazione ispirandosi alle immagini della Tempesta Vaia, evento atmosferico estremo legato al cambiamento climatico. In una sola notte, nell’ottobre 2018, pioggia e vento abbattono 14 milioni di alberi, trasformando distese di boschi montani in uno scenario apocalittico, con conseguenze ambientali ed economiche incalcolabili. In Carnia, una delle zone più colpite, 400 di quei tronchi vengono recuperati e partono per il teatro greco di Siracusa, dove, protagonisti della scena, diventano muti testimoni di entrambe le tragedie. Il film racconta il viaggio attraverso il loro punto di vista, seguendoli per oltre 1500 km, nell’avvicendarsi di paesaggi, colori, suoni.

Ritorno a casa

Antonio De Gregorio e Mattia Marano / Italy (17')

‘Vivo o morto... te lo portiamo in 24 ore!’ È questo lo slogan di un’agenzia funebre milanese molto particolare, che organizza funerali low cost in tutta Italia. Nanni, che lavora lì, dovrà accompagnare un’anziana donna nell’inconsueto funerale di suo marito, in un piccolo paesino in Molise, ma alcuni problemi con la popolazione locale complicheranno tutto...

Offro io

Paola Minaccioni / Italy (12')

Una tranquilla uscita tra due coppie di amici della Roma bene degenera in una spietata e violenta lotta che nessuno è disposto a perdere. Un’apparente innocuo gesto di cortesia infatti, innesca una surreale escalation di generosità, trasformando quella che doveva essere una rilassante serata tra amici di vecchia data, in una folle e surreale sfida all’ultima mancia.

MORRIBUS.jpg

“ER CÒLLERA MÒRIBBUS” Conversazione all’Osteria di piazza della Gensola

Matteo De Laurentiis e Katia Franco / Italy (8')

Marzo 2020. Nel pieno della pandemia e del lockdown, una Roma libera da quel caos che ogni giorno la imprigiona, sfila silenziosa con le sue chiese e i suoi palazzi vuoti, le piazze deserte, le statue e le fontane immobili. Persi nella contemplazione di una bellezza che sembra poter fare a meno degli esseri umani una domanda ci accompagna: che ne sarà di noi? A risponderci sono allora i versi che Gioacchino Belli scrisse nel 1835 in occasione del colera che afflisse la città e che riascoltati oggi, con la voce di Pierfrancesco Favino, ci consolano in uno dei momenti più drammatici della nostra storia e ci dicono che non sarà un “fragello benedetto” a sconfiggerci e che Roma è eterna perché eterna è la sua voce e la sua ironia.